Pamela Prati: Tutta la verità! 1999-2009-2019: ogni dieci anni la Prati annuncia un matrimonio. Sarà la volta buona o l’ennesimo bluff?

0

Diciamoci la verità, da settimane non si parla altro che del misterioso matrimonio di Pamela Prati con l’imprenditore Mark Caltagirone. Personalmente a dirla come il direttorissimo Vittorio Feltri: “A me non me ne frega niente” e Pasqua e Pasquetta procedono normalmente anche se la Prati si sposa oppure no. Ma il duro lavoro del Reporter è anche questo, indagare dove il popolo chiama, quindi mettetevi comodi miei cari amici che questa storia è lunga, ingarbugliata e avvolta nel mistero: ItalianMadHouse è lieta di presentarvi la nuova Soap opera di Pasqua: Il Prati-gate!
Riepilogo
Pamela Prati annuncia il matrimonio con l’imprenditore Mark Caltagirone, con cui avrebbe già due figli in affido (Sebastian 11 anni e Rebecca 6 anni). La showgirl ha presenziato a Domenica Live, Vieni da me, Domenica In e Verissimo, ha ottenuto la copertina del settimanale Gente, ha concesso interviste al Corriere della sera e a Chi. Che c’è di strano direte voi? Nulla, a parte il fatto che del futuro marito non si sa nulla e che in un mondo social dove tutti sanno tutto, non vi è nessuna foto che li ritragga insieme, nessuna foto sui profili di Caltagirone e tante incongruenze che mettono in dubbio l’esistenza dell’imprenditore e dello stesso matrimonio.
L’intervista a Verissimo pagata a peso d’oro da Mediaset
Secondo il sito Fan Page Mediaset avrebbe pagato ben 150 mila euro a Pamela Prati per rilasciare due interviste, una andata in onda sabato 20 aprile 2019 e l’altra da rilasciare dopo l’8 maggio, ovvero dopo il suo matrimonio con Mark Caltagirone. C’è da dire, però, che Pamela Prati non ha confermato ancora questa notizia, ma una delle sue due agenti, ovvero Pamela Perricciolo, ha affermato che il valore degli interventi della sua assistita è aumentato moltissimo da quando è scoppiato questa vicenda mediatica. “Sai quanto hanno pagato quell’intervista? Dieci volte la quotazione che aveva la Prati prima di questo casino”, ha dichiarato la donna. Naturalmente questa notizia ha provocato una serie di polemiche sul web e sui vari social network. In molti, infatti, sono convinti che la Prati e le sue agenti si siano inventato tutta questa storia solo per far ottenere quella visibilità persa della soubrette sarda. Ma cosa è successo durante la puntata di Verissimo trasmessa sabato 20 aprile? Nello studio di Silvia Toffanin ci sono state subito scintille dato che la Prati nel corso dello show di Canale 5, non aveva intenzione di sbottonarsi granché ed evitava gli argomenti spinosi, soprattutto le voci sul suo matrimonio. Tanto che ad un certo punto, la Toffanin, ha perso la pazienza: “Non vuoi parlare di niente Pamela, che sei venuta a fare?”. Poche parole che però fotografano in modo perfetto l’intervista, in effetti molto difficoltosa e lenta. Incalzata però la showgirl per la prima volta in tv ha raccontato la sua verità sul matrimonio e precisa: “Intanto è Marco e non Mark e leviamola prima bugia”. Poi specifica: “Mi sposo a maggio. Basta con tutte queste menzogne. Sarà un matrimonio religioso, dove non ci sarà spazio per le menzogne. Sono quelli che hanno sputato veleno sulle mie nozze che dovrebbero rivolgersi a Dio”. Alla conduttrice che le chiede perché non mostra nessuna foto di lui o di loro due insieme, che nulla avrebbero a che fare con l’esclusiva sulle nozze data al talk show dice: “Marco ha 54 anni, è riservatissimo e timido. Noi abbiamo scelto di mostrarci insieme solo a Verissimo, il giorno del matrimonio. Confermo che solo Verissimo entrerà al nostro matrimonio con le sue telecamere e lì finalmente conoscerete l’altra mia metà”. Pamela racconta anche il grande affetto della gente e, per contro, le insinuazioni delle persone che avrebbero dovuto starle più vicine: “Ho querelato tantissime persone. Ma vorrei ringraziare il pubblico per questi applausi”. Conclude la showgirl, quasi con il volto rigato dalle lacrime.
Perché tutti pensano all’ennesimo grande Bluff?
Il primo ad iniziare ad indagare sulle numerose incongruenze è stato il sito Dagospia e sul Prati-Gate si sono fiondati tanti programmi tv: Mark Caltagirone esiste o non esiste? Le nozze ci saranno o salteranno in extremis? Ci sono molti punti a prova del fatto che a dirla come nei “Promessi Sposi”: questo matrimonio non s’ha da fare. Analizziamoli insieme.
Punto 1) Luigi Oliva, ex fidanzato della Prati, a Dagospia nelle scorse settimane aveva dichiarato: “Abbiamo avuto una relazione che è durata 7-8 mesi e si è conclusa agli inizi di gennaio 2018, stanco della sue farse, delle sue finzioni e del suo finto innamoramento. Pamela mi ha cercato in continuazione sino al maggio 2018 fingendosi innamorata e disperata per la nostra rottura, sia con me che con degli amici in comune. Quando eravamo insieme, diverse volte è scoppiata a piangere perché la banca stava per procedere al pignoramento del suo appartamento, ed essendo legato sentimentalmente a lei le ho prestato una certa somma per evitare che questo accadesse. Lei mi aveva promesso di restituirla mentre stavamo insieme. Appena finita la relazione ha rinnegato tutto, e ho dovuto adire le vie legali, e i procedimenti sono tuttora in corso. Pamela mi ha usato, mi ha preso in giro e illuso. La verità è che Pamela non è mai stata innamorata di me. Mi ha usato come bancomat. Quando andavamo in giro oppure si andava a Napoli dove ho casa, lei si presentava con una corte di parenti, amici, truccatore e parrucchiere. Tutto a mio carico, hotel compresi. Si faceva comprare abiti e scarpe. Andavamo al ristorante e ogni volta ero costretto a saldare conti per tutti”.
Punto 2) Le sue dichiarazioni: “Ci siamo già sposati”, dette durante la trasmissione Domenica In riferendosi al rito civile per poi organizzare quello religioso a maggio in un casale in Umbria. “Da una ricerca nei registri del Comune di Roma risulta infatti che Pamela Prati (tre anni fa ha cambiato il nome e da Paola Pireddu ha adottato il suo nome d’arte) è tuttora nubile”, replica Dagospia. In seguito la primadonna del Bagaglino a Non è la D’Urso ha ammesso di non essersi già sposata ma di aver fatto solo la promessa di matrimonio, stranamente all’estero.
Punto 3) 1999-2009-2019: ogni dieci anni la Prati annuncia un matrimonio. Uno salta, uno finto, l’altro avvolto nel mistero, scrive Dagospia parlando della primadonna del Bagaglino. “Mi sono sposata a Las Vegas, all’improvviso per tutti, forse anche per me. E’ stato fantastico”, aveva dichiarato nel 2009 a Diva e Donna. Il marito Daniel Sebastian Jabir, descritto come un imprenditore schivo e riservato, non esisteva come ammesso dalla stessa Prati al Corriere della sera poche settimane fa: “Quella era una fake news. Non mi sono mai sposata, mai, mai. Sono stata dall’avvocato per rimuovere questa cavolata da Internet. Ero stata consigliata male. A un certo punto, mi hanno detto: dì che ti sei sposata a Las Vegas. Sono stata ingenua”. Nel 1999 invece la showgirl annunciava sulla copertina del settimanale Gente le nozze con Max Bertolani (“Mi Sposo”), pochi mesi dopo la coppia sulla stessa testata dichiarava: “Prima di sposarci dovremo fare la cresima“. Nozze che mai sono state celebrate.
Punto 4) Sui social di Marco Caltagirone il 23 aprile 2016 venivano segnalate le nozze con Wanda Ferro, deputata calabrese di Fratelli d’Italia ma la parlamentare smentisce l’esistenza di un matrimonio: “Tengo a precisare che non sono mai stata sposata con alcuno, come si può facilmente verificare, e che non ho mai conosciuto personalmente Marco Caltagirone, al quale mi legano esclusivamente alcuni scambi di battute scherzose su Facebook risalenti ad alcuni anni fa”. Alessia Bausone, esponente del Pd calabrese, ha pubblicamente accusato le due manager della Prati, Michelazzo e Perricciolo, di aver creato a fini pubblicitari il personaggio di Mark Caltagirone, mai realmente esistito.
Punto 5) Nel programma Non è la D’Urso, sua Regina Barbara aveva annunciato la messa in onda delle immagini di Mark Caltagirone, poi trasmesse pixellate ma mostrate senza filtri ai presenti: “Ci somiglia ma non è lui”, aveva detto la manager Eliana Michelazzo. Le stesse foto che aveva pubblicato in chiaro Dagospia, certo che non fosse il reale Mark Caltagirone, girate alla redazione del sito dall’esponente del Pd calabrese Alessia Bausone che le aveva allegate all’email in cui affermava che il futuro marito non era mai esistito e che era stato creato a fini pubblicitari dalle due agenti Eliana Michelazzo e Pamela Perricciolo. In serata la giornalista Selvaggia Lucarelli aveva poi svelato su Twitter il nome della persona a cui sarebbero state rubate le foto, l’avvocato cagliaritano Daniele Cortis, che ha deciso di vederci chiaro nella faccenda tanto che sul furto di immagini è già stata allertata la Polizia postale. «Mai avrei pensato di dover scrivere sui social per smentire una notizia assurda e ridicola, in relazione ad una vicenda folle in cui mi sono trovato, mio malgrado ed a totale mia insaputa, coinvolto», ha scritto Daniele Cortis su Facebook, ripercorrendo in un lungo post tutti i passaggi della storia: “Il 6 giugno 2018 ho ricevuto un messaggio whatsapp da tale ‘Pamela della Dreaming srls, società di pubblicità’, la quale mi contattava nella mia qualità di Direttore Generale e legale rappresentante della Scuola Calcio Gigi Riva di Cagliari, cui un loro cliente – poi individuato nella persona di tale Marco Caltagirone, politico siciliano a capo di alcune associazioni – avrebbe voluto ‘dare la sua sponsorizzazione perché è una Holding che sta rientrando in Italia e vuole investire sui ragazzi‘. Trattandosi di associazione sportiva non avvezza a ricevere contributi e sponsorizzazioni, mi sono reso disponibile al dialogo per capire cosa realmente proponessero. C’è stato quindi uno scambio di messaggi e telefonate, tutte vertenti sulla possibilità mia di andare a Roma da loro (da me negata) o viceversa la possibilità del sig. Caltagirone di venire a Cagliari a vedere il nostro centro sportivo e come lavoriamo con i ragazzi, per verificare con mano se fosse possibile darci una sponsorizzazione. Appuntamenti telefonici e non bruciati a più riprese, fino a quando al mio messaggio – era ottobre 2018 – che ormai credevo si trattasse di una burla, la sig.ra Pamela mi ha risposto che ero una persona insensibile perché il sig. Caltagirone era rimasto vittima di un brutto infarto e che quindi loro avessero altro a cui pensare. Auguri al sig. Caltagirone e rapporto, se così si può chiamare questo preliminare tentativo di truffa, chiuso così. Ecco, dalle verifiche fatte ieri, a parte sui nomi, è emerso che il numero da cui ho ricevuto messaggi e chiamate fa capo alla sig.ra Pernicciolo (con tanto di foto sul profilo whatsapp che la ritrae, ora che ho collegato i visi) e che quindi l’aver pescato le mie foto non era poi così tanto casuale come pensavo all’inizio.” Probabilmente non sono le uniche immagini false di Mark Caltagirone a circolare tra i giornalisti e nelle redazioni tv. Roberto Alessi, direttore di Novella 2000, ha dichiarato di aver visto delle foto del presunto imprenditore definito “un bell’uomo, biondino”, immagini mostrategli da Pamela Perricciolo. Il sito Fanpage nel suo articolo aveva aggiunto: “La Prati avrebbe mostrato agli amici una sola foto del futuro sposo, che però sembrerebbe essere tratta da un servizio posato di un modello straniero.”
Punto 6) Dove si trova Mark Caltagirone? La Prati aveva parlato del compagno raccontando della sua vita tra la Francia e gli Stati Uniti ma per la Perricciolo, sua agente, “sta negli Emirati Arabi“, dichiara a Oggi. A Roberto Alessi, direttore di Novella 2000, la stessa agente spiega che “Mark in questo momento è a Toronto”. Nel corso dell’ultima puntata di Non è la D’Urso l’altra manager Eliana Michelazzo ha perfino dichiarato che Caltagirone si troverebbe in Libia. La stessa trasmissione ha fatto sapere che nessun Mark Caltagirone avrebbe vinto un premio in Albania.
Punto 7) I bimbi in affido. La coppia, dichiara la Prati, avrebbe due bimbi in affido, ma alcune cose non tornano. Come avrebbero fatto i due ad avere in affido dopo pochi mesi e senza essere sposati una bimba di soli sei anni? La Prati spiega poi di volersi trasferire all’estero con il suo Mark dopo le nozze religiose (“Tra Francia e Stati Uniti”, ha detto a Domenica In). Ma se i bambini sono in affido e sono piccoli non può portarli all’estero. Forse allora i bambini non sono in Italia dato che qui queste cose vanno alla lunga mentre all’estero sono veloci. Ecco allora la decisione di sposarsi: Perché così almeno i bambini potranno vivere anche in Italia. Fino a quando non saranno marito e moglie, sarà tutto quanto fuori all’estero”, ha detto la manager della Prati a Storie Italiane. “Come farebbe la Prati, cittadina italiana, a prendere in affido due bambini stranieri? Forse li ha solo lui? Se Pamela ha preso il primo aereo due settimane fa per andare a fare l’addio al nubilato a Marsa Alam, quando avrebbe visto questi bimbi? Vivono davvero a Bonifacio, e magari è andata a trovarli in nave? Ma sul profilo di Marco Caltagirone lui si tagga a Roma o al massimo in Calabria, mai all’estero”, incalza Dagospia.
Gli invitati alle nozze
“Pamela mi ha invitato al matrimonio”, racconta a Novella 2000 il patron del Bagaglino Pierfrancesco Pingitore, papà artistico di Pamela Prati. Pippo Franco non ci sarà: “Non vedo Pamela Prati da tempo. Non posso confermare o dire nulla. So quello che sanno tutti. Non sono uno degli invitati. Io l’ultima volta l’ho vista all’intervista dalla Balivo, mi hanno fatto fare anche gli auguri registrati in cui mandavo un bacio appassionato a questo suo futuro marito (poi tagliati dalla produzione, ndr). E del resto non so nulla, se non fosse vero, francamente non saprei cosa dire. Sono contento se è vero, se non è vero è un problema che riguarda lei e solo lei”, conclude il comico a Fanpage. Discorso diverso per Simona Ventura: “Pamela Prati ha invitato anche me al suo matrimonio e mi ha chiesto di fare da testimone“, queste le parole pronunciate da Simona Ventura a Storie Italiane, programma di Rai1 condotto da Eleonora Daniele. La conduttrice ha spiegato di aver declinato l’impegno da testimone perché impegnata con The Voice of Italy ma che proverà ad essere presente il giorno delle nozze: “Ma non si capisce se ci sarà o no questo matrimonio”, ha aggiunto.
Epilogo
Amici miei, ormai alla data di questo ipotetico “matrimonio” manca poco: 8 maggio. Vi riporto a conclusione, alcune sue dichiarazioni rilasciate in esclusiva a Verissimo, che condivido al 100%, sugli attacchi che sta subendo in queste settimane: “Perché avrei dovuto inventare una cosa del genere? Basta devono smetterla, davvero. Ci sono in Italia problemi molto più grandi e invece parlano di me. Dicono addirittura che sono stata stregata dalle mie due agenti, che l’ho fatto per soldi o per tornare in auge. Purtroppo certe persone gioiscono più della tua infelicità che della tua gioia. Ci stanno rovinando questo bel momento”. Hai proprio ragione mia cara Pamela, in questo nostro Bel Paese esistono problemi ben più gravi delle tue vere o presunte nozze e a me che sono stato in qualche modo “costretto” a impiegare il mio tempo per raccontare questa storia, non mi rimane altro che concluderla con un’affermazione: Povera Italia…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here