Coronavirus, ultimi aggiornamenti: in Italia mascherine obbligatorie all’aperto e multe fino a 1000 euro per chi non le indossa. Ecco tutto quello che c’è da sapere sulle nuove disposizioni. Ieri quasi 3.700 nuovi casi e 31 vittime, è record dalla fine del lockdown; effettuati 125.314 tamponi, mai così tanti. Da oggi obbligo di mascherine all’aperto in tutta Italia: multe fino a 1000 euro per chi non le indossa. E il governo già pensa al nuovo dpcm, atteso per il 15 ottobre.

0

Aumentano in contagi e l’allarme coronavirus in Italia. Superata in un giorno quota 3700 casi. La principale novità contenuta nel nuovo decreto formulato dal Consiglio dei Ministri è l’obbligo di mascherina all’aperto e al chiuso, anche in casa, se si ricevono ospiti, che siano amici o parenti. Diverse le sanzioni previste, dai 400 e fino ai 1000 euro, per il mancato rispetto delle regole ma allo stesso tempo sono tanti i dubbi che potrebbero indurre in errore. La mascherina, dunque, non va solo tenuta a portata di mano quando si esce fuori di casa ma è obbligatorio indossarla, stando ben attenti al rispetto delle regole igieniche, inclusa la sanificazione delle mani, evitando il contatto con occhi e bocca. Mascherine “sempre”, tranne come ha specificato il premier Conte “che non ci si trovi in una situazione di continuativo isolamento, ad esempio se si è isolati in campagna o in montagna. Per il resto la mascherina comunque va non solo portata ma anche indossata”.
Mezzi di trasporto
Venendo al capitolo dedicato ai mezzi di trasporto, è necessario, secondo il decreto, utilizzare la mascherina su quelli pubblici sia alla fermata sia a bordo. All’interno dell’auto bisogna indossare il dispositivo di protezione se si è in presenza di persone non conviventi, anche se si tratta di familiari. Se si è da soli o con persone conviventi l’obbligo decade. Questo vige anche in caso di utilizzo di bicicletta, monopattini e simili.
Attività fisica
Per lo stesso principio, la mascherina non va indossata mentre si pratica attività sportiva, sia all’aperto sia al chiuso, a meno che non si riesca a mantenere la distanza di sicurezza di due metri con altre persone.
Luoghi pubblici
Nei luoghi pubblici, al chiuso, è necessario proteggersi indossando la mascherina. La regola dunque è valida anche in ufficio se non si è assolutamente da soli, nei pub e nei locali della movida in generale, sia all’interno che all’esterno, e la si può abbassare soltanto quando si mangia o si beve. Nel caso dei ristoranti, invece, la si può togliere se si rimane seduti al tavolo. Infine al bar la si deve indossare prima e dopo aver consumato e mantenendo la distanza di un metro. Nei negozi, viene da sé, è d’obbligo l’uso del dispositivo posizionato, è bene ricordarlo, anche sul naso e non solo sulla bocca.
Chi non è tenuto ad indossarla
Ci sono infine delle condizioni speciali. Non sono tenuti ad indossare le mascherine i minori al di sotto dei 6 anni, le persone con disabilità incompatibili con la copertura di naso e bocca e, per quest’ultimo caso, anche “coloro che per agire con loro abbiano la stessa incompatibilità”.
La situazione in Europa e nel Mondo
L’allarme coronavirus continua a crescere anche in Germania. Per il secondo giorno consecutivo Berlino ha infatti registrato un record di nuovi contagi: sono 4058 i casi confermati nelle ultime 24 ore. Non erano così alti dall’11 aprile, quando il Paese era però ancora in lockdown. Mercoledì i nuovi positivi tedeschi erano stati 2898, e anche ieri il numero aveva rappresentato un record. Il bilancio complessivo dei casi in Germania sale così a 310144 contagiati dall’inizio della pandemia. Il picco arriva proprio a ridosso delle vacanze scolastiche autunnali, tanto che, come già chiesto qualche giorno fa dalla cancelliera Angela Merkel, il governo ha suggerito ai cittadini di evitare i viaggi all’estero. Record di casi anche in Francia: +18.746 in 24 ore. Macron: “Verso altre restrizioni”. Ieri molti Paesi sono corsi ai ripari, imponendo misure più restrittive, come la chiusura di bar e ristoranti a Bruxelles per un mese, o a Glasgow ed Edimburgo per due settimane. Discorso simile in Gran Bretagna, dove i nuovi positivi registrati mercoledì sono stati oltre 14mila, e in Spagna con un incremento di 10.491 nuovi casi. Preoccupano anche i numeri fuori dal continente europeo. Nella notte infatti il bilancio dei casi di coronavirus in Brasile ha superato la soglia di 5 milioni, come ha reso noto il ministero della Sanità del Paese, con un incremento di nuovi positivi di 31553 in sole 24 ore, e oltre 700 nuovi decessi. In India, invece, i positivi in 24 ore sono stati 78.524, un numero che porta il totale dei contagi dall’inizio della pandemia a 6,8 milioni. Nonostante i numeri elevati, l’India ha comunque assistito a un calo costante dei casi confermati: a inizio settembre i casi giornalieri erano in media 93mila.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here