1° Maggio Festa del Lavoro: ecco perché si festeggia Vi siete mai chiesti cosa c’è dietro questa festa e perché la si festeggia proprio il primo maggio? Scopriamolo insieme.

0

Le origini
Tutto nasce a Parigi, dove nel 20 luglio del 1889 si era riunito il Congresso della Seconda Internazionale, una grande manifestazione per poter chiedere a tutte le autorità dei cambiamenti sostanziali circa le ore lavorative, con la richiesta di ridurre la giornata lavorativa a otto ore. Ricordiamo che siamo infatti nel 1800 e in quel periodo solo a pochi venivano riconosciuti i giusti diritti ed era quindi normale, che un operaio lavorasse anche per più di 16 ore in condizioni molto precarie.
Ma perché si festeggia proprio il 1 Maggio?
Questa data non è assolutamente casuale e si riferisce al 1 maggio del 1886, ben tre anni prima del Congresso, in ricordo di una manifestazione operaia tenutasi a Chicago tragicamente repressa nel sangue. A metà del 1800, infatti, i lavoratori non avevano diritti: lavoravano anche 16 ore al giorno, in pessime condizioni, e spesso morivano sul luogo di lavoro. Il 1° maggio 1886 fu indetto uno sciopero generale in tutti gli Stati Uniti per ridurre la giornata lavorativa a 8 ore. Lo scioperò durò ben tre giorni e culminò, il 4 maggio, col massacro di Haymarket: una vera e propria battaglia in cui morirono 11 persone. L’iniziativa superò i confini nazionali e divenne il simbolo delle rivendicazioni degli operai che in quegli anni lottavano per avere diritti e condizioni di lavoro migliori. Oggi quella data è divenuta festa nazionale per molti Paesi: Cina, Messico, Brasile, Turchia e i Paesi dell’Unione Europea. In Italia nel 1923, sotto il fascismo venne abolito il 1° maggio e la festa dei lavoratori confluì nel Natale di Roma (21 aprile), leggendaria data di fondazione della Capitale, nel 753 a. C. Solo nel 1947 infine la festa del lavoro e dei lavoratori venne ripristinata il 1° maggio e divenne ufficialmente festa nazionale.
Piccola curiosità: mentre in tutti i Paesi appena citati la Festa del Lavoro è festa nazionale, ad oggi non lo è proprio nel Paese dove tutto ebbe inizio: l’America!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here