Mahmood e Blanco obbligati a cambiare “Brividi” per l’Eurovision Dopo i Maneskin anche il duo dovrà rimettere mano al loro brano in vista degli Eurovision song contest in quanto non rispetta il regolamento

La storia si ripete. Dopo i Maneskin anche Mahmood e Blanco dovranno rimettere mano al loro brano in vista degli Eurovision song contest. “Brividi”, la canzone che rappresenterà l’Italia all’ESC in programma a Torino il prossimo maggio, dovrà essere cambiata. Il regolamento della manifestazione canora è estremamente rigido e per evitare l’esclusione dalla gara il duo musicale è dovuto correre ai ripari. Sono stati Mahmood e Blanco ad annunciarlo nel corso dell’ultima intervista rilasciata all’emittente Radioitalia in quanto per regolamento la lunghezza del brano non deve essere superiore ai tre minuti. “Michelangelo sta cercando di fare l’impossibile“, ha svelato Mahmood. Il produttore e coautore della canzone – Michele Zocca in arte “Michelangelo” citato più volte dai due artisti nel corso dell’ultimo festival di Sanremo – sta cercando di fare le opportune modifiche al pezzo senza snaturarlo, consentendo al duo di esibirsi sul palco dell’Eurovision nel rispetto del regolamento. “È un casino, ci stiamo provando in tutti i modi. Abbiamo anche detto: ‘Ok, l’ultima parte la cantiamo a cappella senza base’. Ma niente, sono proprio tre minuti e dopo non so“, ha spiegato ancora l’artista milanese. Un’impresa tutt’altro che facile vista la durata della canzone: tre minuti e ventinove secondi. “Abbiamo pensato di tagliare Ricky (Blanco, ndr)”, ha scherzato Mahmood, rispondendo alle domande di Radioitalia sul regolamento. Al Pala Alpitur di Torino il pubblico ascolterà dunque una versione ridotta di “Brividi”, che rimane comunque uno dei brani favoriti per la vittoria. “Sarà diversa ma vi giuro sarà bellissima lo stesso“, ha dichiarato Blanco, ironizzando sul fatto che gli italiani non potranno votare per loro: “Ma perché?!”.
Il precedente con i Maneskin
La stessa sorte era capitata ai Maneskin lo scorso anno. La band romana aveva dovuto non solo tagliare di oltre trenta secondi il brano “Zitti e Buoni” – con il quale ha poi vinto l’Eurovision 2021 – ma anche epurare il testo da alcune parolacce, anch’esse vietate dal regolamento della manifestazione. Un déjà-vu che si spera porti la stessa fortuna a Mahmood e Blanco. La coppia approda a Torino tra i favoriti, forti del successo planetario che il loro brano ha avuto. La canzone, infatti, è la più ascolata di sempre all’esordio su Spotify. Il video ha toccato quota 40 milioni di visualizzazioni su Youtube e da settimane il singolo staziona nelle prime dieci posizioni delle classifiche di numerosi paesi europei. Segno che sonorità e testo hanno conquistato anche il pubblico straniero.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here