Il Parmigiano Reggiano diventa FRANCESE Ennesima sconfitta per l’economia italiana: Lactalis rileva il capitale di Nuova Castelli

0

I transalpini di Lactalis, che controllano già marchi storici come Parmalat, Galbani, Invernizzi, Vallelata, Locatelli, Cademartori, mettono a segno un altro colpo in Italia rilevando l’intero capitale di Nuova Castelli, società di Reggio Emilia leader nella distribuzione dei formaggi Dop italiani e principale esportatore di Parmigiano Reggiano nel mondo, di cui sforna circa 105.000 forme all’anno. Acquistando l’intero capitale di Nuova Castelli, di cui l’80% era detenuto dal fondo di investimento inglese Chartherhouse Capital Partner, Lactalis ingloba un’azienda che ha 13 siti produttivi in Italia e tre all’estero, impiega un migliaio di dipendenti e nel 2018 ha fatturato 460 milioni di euro, di cui il 70% grazie all’export di prodotti Dop come il parmigiano reggiano, la mozzarella di bufala campana e il gorgonzola. Il gruppo di Laval, che nel nostro Paese impiega già 5.500 persone e dispone di 29 siti produttivi, fa sapere di essere “pronto a sostenere i prodotti DOP italiani nel mondo”. “Con questa operazione – annuncia la nota – il Gruppo Lactalis rafforza la sua leadership nella distribuzione dei formaggi italiani DOP sui mercati internazionali, dove è già protagonista con una presenza commerciale e distributiva in oltre 140 paesi”.
E in Italia cosa si è fatto?
Occorre “fermare la svendita del Parmigiano Reggiano ai francesi per non ripetere gli stessi errori commessi in passato con la cessione della Parmalat”, aveva tuonato il presidente di Coldiretti, Ettore Prandini. “Faremo di tutto per tutelare l’agroalimentare italiano dall’assalto delle multinazionali straniere” le parole del ministro dell’agricoltura, Gian Marco Centinaio, che prometteva una difesa “senza se e senza ma”del Parmigiano. La cordata Tricolore, auspicata tra gli altri da Cia-Agricoltori Italiani e dalle Cooperative, non si è però materializzata. Lasciando mettere a Lactalis un’altra bandierina su un pezzo della nostra industria alimentare, TANTO PER CAMBIARE…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here